Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.Daniel Pennac
Éntula

Contributi

Ab­bia­mo per­so la bus­so­la?

biblioteca cina"Co­me fa­re a leg­ge­re una real­tà co­sì com­ples­sa, mul­ti­stra­to e, a vol­te, pa­le­se­men­te in­giu­sta?”
Va­ni­ty Fair ha chie­sto ad al­cu­ni espo­nen­ti del­la cul­tu­ra ita­lia­na di con­si­glia­re un li­bro-bus­so­la che pos­sa for­ni­re va­lo­ri e pa­ra­me­tri, in­di­ca­re una di­re­zio­ne. Tra lo­ro, ci so­no al­cu­ni au­to­ri che so­no sta­ti no­stri ospi­ti in que­sti an­ni (Igia­ba Sce­go, Chia­ra Va­le­rio...), per­ciò ab­bia­mo pen­sa­to di chie­de­re an­che agli al­tri au­to­ri che in que­sti an­ni so­no ve­nu­ti a pie­de lì­be­ros, o che ver­ran­no nei pros­si­mi me­si, di dar­ci la lo­ro bus­so­la per orien­tar­ci: ec­co il ri­sul­ta­to! 
 
 
 
Ro­ber­ta Ba­le­struc­ci con­si­glia «as­so­lu­ta­men­te La fer­ro­via sot­ter­ra­nea di Col­son Whi­te­head edi­to da Sur, col­la­na Big­Sur, do­ve si rac­con­ta la Geor­gia del­la pri­ma me­tà del­l'Ot­to­cen­to. Una ra­gaz­za, la gio­va­ne schia­va ne­ra Co­ra, de­ci­de di ten­ta­re la fu­ga dal­la pian­ta­gio­ne di co­to­ne in cui vi­ve in con­di­zio­ni di­su­ma­ne, e in­sie­me al­l'a­mi­co Cae­sar co­min­cia un ar­duo viag­gio ver­so il Nord e la li­ber­tà. Ser­ven­do­si di una mi­ste­rio­sa fer­ro­via sot­ter­ra­nea, Co­ra fa tap­pa in va­ri sta­ti del Sud do­ve la per­se­cu­zio­ne dei ne­ri pren­de for­me di­ver­se e al­tret­tan­to rac­ca­pric­cian­ti. Aiu­ta­ta da im­pro­ba­bi­li al­lea­ti e in­se­gui­ta da uno spie­ta­to cac­cia­to­re di ta­glie, riu­sci­rà nel suo viag­gio gra­zie al­l'in­ven­zio­ne fan­ta­sti­ca di una «fer­ro­via sot­ter­ra­nea». Si rac­con­ta di una re­te la re­te clan­de­sti­na di abo­li­zio­ni­sti che aiu­ta­va­no gli schia­vi nel­la lo­ro fu­ga, da cui bi­so­gne­reb­be pren­de­re esem­pio. An­co­ra di­rei La bam­bi­na sel­vag­gia di Ru­men God­den edi­to da Bom­pia­ni, do­ve la gio­va­ne Kiz­zy è una bam­bi­na me­tà e me­tà: un po' zin­ga­ra un po' no. Vi­ve con la vec­chis­si­ma non­na in un car­roz­zo­ne den­tro un frut­te­to, e il suo mi­glio­re ami­co è Joe, un ca­val­lo. I com­pa­gni di scuo­la la pren­do­no in gi­ro per­ché è stra­na, sel­vag­gia, di­ver­sa, ma a lei non im­por­ta gran­ché, fin­ché ha il suo mon­do a cui tor­na­re. Poi la non­na muo­re e tut­to cam­bia. Per for­tu­na c'è l'Am­mi­ra­glio, un bur­be­ro gen­ti­luo­mo che vi­ve in una gran­de di­mo­ra ed è di­spo­sto a pren­der­si cu­ra di lei. Ma al vil­lag­gio ci so­no un sac­co di fic­ca­na­so che pen­sa­no che per una bam­bi­na ci vo­glia un al­tro ge­ne­re di ca­sa e di fa­mi­glia. E i ra­gaz­zi del­la scuo­la, so­prat­tut­to le fem­mi­ne, so­no sem­pre più osti­li. Per Kiz­zy, abi­tua­ta a es­se­re in­di­pen­den­te, non è fa­ci­le ac­cet­ta­re re­go­le e con­fi­ni; e per gli al­tri non è fa­ci­le ac­cet­ta­re le sue stra­va­gan­ze. Ep­pu­re un mo­do per in­con­trar­si c'è sem­pre, quan­do lo si vuo­le cer­ca­re. Ag­giun­go an­co­ra Sal­via­mo Said di Bri­git­te Sma­dia edi­to da Fel­tri­nel­li, do­ve il po­te­re del­le pa­ro­le sa­ran­no la sal­vez­za del gio­va­ne Said, i vo­ca­bo­la­ri i suoi mi­glio­ri al­le­ti, per chiu­de­re con La Co­sti­tu­zio­ne in ta­sca di Va­le­ria Ci­glio­la e Eli­sa­bet­ta Mo­ro­si­ni edi­to da Sin­nos. Que­ste le mie bus­so­le».

Mi­chael Uras, scrit­to­re fran­co-sar­do ci di­ce che «l'e­spres­sio­ne li­bro-Bus­so­la non esi­ste in fran­ce­se. Ep­pu­re ogni li­bro do­vreb­be es­se­re una bus­so­la, una gui­da per por­tar­ci at­tra­ver­so il buio del­le no­stre esi­sten­ze. Se do­ves­si sce­glie­re la bus­so­la che mi ri­por­te­reb­be al­l'u­ma­ni­tà e al­la dol­cez­za (per­ché la dol­cez­za è co­sti­tu­ti­va del­l'u­ma­no e che ognu­no di noi la ri­cer­ca), sce­glie­rei la rac­col­ta di poe­sie Gra­vi­ta­tions di Ju­les Su­per­viel­le.
Que­sto li­bro è la mia bus­so­la per­ché è sta­to scrit­to da un uo­mo per­so, smar­ri­to tra due con­ti­nen­ti, l'Eu­ro­pa e l'A­me­ri­ca. Tra due na­zio­na­li­tà. Un uo­mo che non ha mai smes­so di viag­gia­re, per riu­ni­re i pae­si e gli uo­mi­ni. Un uo­mo che non era a ca­sa da nes­su­na par­te. Un cit­ta­di­no del mon­do. Al­lo­ra sì, bi­so­gna leg­ge­re cor­re­zio­ni, per non di­men­ti­ca­re che la poe­sia rac­co­glie gli es­se­ri uma­ni, sen­za di­stin­zio­ne di co­lo­re o na­zio­na­li­tà. E tan­to peg­gio per i po­li­ti­ci».
 
Resistenza e resa (Dietrich Bonhoeffer)Per Ni­co­lò Mi­ghe­li «è co­me il gio­co del­la tor­re pe­rò una scel­ta oc­cor­re far­la. I li­bri bus­so­la so­no tan­ti e i let­to­ri po­chi. Da­ta la real­tà pes­si­ma che stia­mo vi­ven­do to­tal­men­te di­men­ti­chi del no­stro pas­sa­to, con­si­glio un li­bro che rac­con­ta di un uo­mo che sep­pe op­por­si al to­ta­li­ta­ri­smo, al­l’as­sog­get­ta­men­to del­l’a­ni­ma, a pro­get­ti di­su­ma­ni. Re­si­sten­za e re­sa di Die­tri­ch Bo­n­hoef­fer (Bre­slau 1906 - Flos­sen­burg 1945) è tut­to que­sto. Pa­sto­re pro­te­stan­te sep­pe op­por­si a Hi­tler e per que­sta ra­gio­ne in­car­ce­ra­to e poi fu­ci­la­to il 9 apri­le 1945 nel cam­po di con­cen­tra­men­to di Flos­senbürg. Non è ne­ces­sa­rio es­se­re cre­den­ti per ap­prez­za­re que­sto li­bro, ba­sta la sen­si­bi­li­tà uma­na per ca­pi­re quan­to sia im­por­tan­te re­si­ste­re, an­che quan­do tut­to quel che ci cir­con­da co­spi­ra per con­vin­cer­ci che è inu­ti­le, che ab­bia­mo fal­li­to.

Fran­ce­sco Tren­to sug­ge­ri­sce «Al­len, Co­me si di­ven­ta na­zi­sti (rac­con­ta co­me si di­ven­ta non uma­ni, quin­di per con­tra­sto cre­do in­se­gni co­me si pos­sa ri­ma­ne­re uma­ni). Im­ma­gi­no sia mol­to uti­le an­che per con­tra­sta­re quel­li che di­co­no "ma che vuoi che sia, ma la­scia­li la­vo­ra­re" di fron­te a Trump che se­pa­ra i fi­gli dai ge­ni­to­ri. Il na­zi­smo non ini­zia con quel­li che di­co­no "ster­mi­nia­mo gli ebrei". Il na­zi­smo ini­zia con quel­li che di­co­no: no, pe­rò in ef­fet­ti gli ebrei (gli im­mi­gra­ti, i no­ma­di, gli omo­ses­sua­li, i buo­ni­sti) ci cau­sa­no dei pro­ble­mi, que­sti in­ve­ce ve­dia­mo che fan­no, fac­cia­mo­li pro­va­re, ma che vuoi che sia.»

Nel mare ci sono i coccodrilli (Fabio Geda)«Con­si­glio un li­bro che fu pre­sen­ta­to pro­prio nel cir­cui­to di Lì­be­ros: Nel ma­re ci so­no i coc­co­dril­li di Fa­bio Ge­da, edi­to da Bal­di­ni&Ca­stol­di. La sto­ria ve­ra di Ena­ia­tol­lah, na­to Aza­ra e fug­gi­to dai ta­le­ba­ni per tro­va­re la fe­li­ci­tà in Eu­ro­pa, sal­pan­do con un bar­co­ne do­po mil­le sof­fe­ren­ze. Cre­do che la let­tu­ra di que­sto li­bro e le ri­fles­sio­ni che ne sca­tu­ri­sco­no pos­sa­no re­sti­tui­re un po' di uma­ni­tà an­che a chi ha di­men­ti­cato di pos­se­der­ne.»  Da­vi­de Pi­ras

Per Car­la Fio­ren­ti­no «il li­bro bus­so­la per il mo­men­to dram­ma­ti­co che stia­mo vi­ven­do è Il buio ol­tre la sie­pe di Har­per Lee, per­ché mi pia­ce cre­de­re che se i no­stri at­tua­li po­li­ti­ci lo aves­se­ro let­to, il buio ol­tre la no­stra sie­pe og­gi sa­reb­be me­no buio».
 
Non si ti­ra in­die­tro nean­che Björn Lars­son, an­zi: «al­la ri­fles­sio­ne, è im­pos­si­bi­le pro­por­re sol­tan­to un li­bro-bus­so­la. Mi per­met­to dun­que più di uno: Pri­mo Le­vi, I som­mer­si e i sal­va­ti; Han­nah Arendt, Il to­ta­li­ta­ri­smo; Si­mo­ne de Beau­voir, Il se­con­do ses­so; Har­ry Mar­tin­son, La stra­da per Kloc­kri­ke: Il ro­man­zo di Mar­tin­son è sta­to tra­dot­to in ita­lia­no da Fran­ce­sco Sa­ve­rio Alon­zo, pe­rò non esi­ste più in stam­pa. È sta­to tra­dot­to an­che in fran­ce­se, La so­cié­té des va­ga­bonds, Ago­nes.»
 
La frontiera (Alessandro Leogrande)An­ge­lo Fer­ra­cu­ti, sen­za al­tri com­men­ti, ci con­si­glia un li­bro che per noi è bus­so­la, co­me bus­so­la è sta­to e ri­ma­ne tut­t'o­ra il suo au­to­re: La fron­tie­ra, di Ales­san­do Leo­gran­de.

«Una par­te di me rea­gi­sce sem­pre ma­le ai li­bri che Lo de­vi as­so­lu­ta­men­te leg­ge­re, que­sto li­bro ti spie­ga il pre­sen­te/pas­sa­to/fu­tu­ro, in que­sto li­bro tro­vi tut­te le ri­spo­ste, que­sto li­bro non puoi non aver­lo let­to. Mol­ti ca­po­la­vo­ri del­la let­te­ra­tu­ra li ho a lun­go igno­ra­ti per­ché qual­cu­no me li ha pre­sen­ta­ti in que­sto mo­do. Ep­pu­re quan­ti ro­man­zi ho sco­per­to per­ché mi so­no sta­ti con­si­glia­ti, pre­sta­ti (mas­si­mo se­gno d'a­mo­re), per­ché qual­cu­no me ne ha par­la­to tra­smet­ten­do­mi il suo en­tu­sia­smo di let­to­re! Tut­ta 'sta pre­mes­sa per­ché non sai qua­le sce­glie­re, ve'? Eh, ma dav­ve­ro uno so­lo? Uno. Fu­ro­re, di John Stein­beck. Per il so­lo mo­ti­vo che è bel­lis­si­mo.» Ales­san­dro Maz­za­rel­li

My­le­ne Fernández Pin­ta­do
 «Mi per­met­to di con­si­glia­re due che so­no sta­ti co­me bus­so­le per me... Com­ma 22, di Jo­se­ph Hel­ler, e Una ban­da di idio­ti, di John Ken­ne­dy Too­le.»


Mau­ri­zio Tor­chio, in­ve­ce, ci re­ga­la una ci­ta­zio­ne:
– Qual è il tuo piat­to pre­fe­ri­to, quel­lo che ti pia­ce di piú?
– La pal­la di mi­glio.
– Sí? Me­glio del pol­lo?
– Pol­lo? Non pos­so man­giar­lo mai.​ Per­ché do­vrei far­me­lo pia­ce­re? 
da La fa­me, di Martín Ca­parrós: «Co­no­scia­mo la fa­me, sia­mo abi­tua­ti al­la fa­me: ab­bia­mo fa­me due, tre vol­te al gior­no. Nel­le no­stre vi­te non esi­ste nien­te che sia piú fre­quen­te, piú co­stan­te, piú pre­sen­te del­la fa­me - e, al tem­po stes­so, per la mag­gior par­te di noi, nien­te che sia piú lon­ta­no dal­la fa­me ve­ra». Per com­pren­der­la, per rac­con­tar­la, Martín Ca­parrós ha viag­gia­to at­tra­ver­so l'In­dia, il Ban­gla­desh, il Ni­ger, il Ke­nya, il Su­dan, il Ma­da­ga­scar, l'Ar­gen­ti­na, gli Sta­ti Uni­ti, la Spa­gna. Lí ha in­con­tra­to per­so­ne che, per di­ver­se ra­gio­ni - sic­ci­tà, po­ver­tà estre­ma, guer­re, emar­gi­na­zio­ne - sof­fro­no la fa­me. La fa­me è fat­to del­le lo­ro sto­rie, e del­le sto­rie di co­lo­ro che la­vo­ra­no in con­di­zio­ni mol­to pre­ca­rie per mi­ti­gar­la e di co­lo­ro che vi spe­cu­la­no so­pra, af­fa­man­do tan­ta gen­te. La fa­me in­ten­de, so­prat­tut­to, sve­la­re i mec­ca­ni­smi che fan­no sí che qua­si un mi­liar­do di per­so­ne non man­gi­no quan­to è ne­ces­sa­rio. Un pro­dot­to ine­lu­di­bi­le del­l'or­di­ne mon­dia­le? Il frut­to del­la pi­gri­zia e del­l'ar­re­tra­tez­za? Un af­fa­re di po­chi? Un pro­ble­ma in via di so­lu­zio­ne? Il fal­li­men­to di una ci­vil­tà? Un li­bro sco­mo­do e ap­pas­sio­na­to, una cro­na­ca che ri­flet­te e un sag­gio che rac­con­ta, un pam­phlet che de­nun­cia una ver­go­gna in­tol­le­ra­bi­le e cer­ca vie di usci­ta per eli­mi­nar­la con ur­gen­za.


per Omar On­nis «Uno è po­co, com'è ov­vio. Ma, vi­sti i tem­pi, mi li­mi­to a que­sti:- Dan Sim­mons, ci­clo dei Can­ti di Hy­pe­rion (in par­ti­co­la­re i pri­mi due: Hy­pe­rion e La ca­du­ta di Hy­pe­rion);
- J.R.R. Tol­kien, Il Si­gno­re de­gli Anel­li (pos­si­bil­men­te nel­la pros­si­ma, nuo­va tra­du­zio­ne).»



Fahrenheit 451

Dice Mariangela Pira: "il mio  libro-bussola per restare umani è Fahrenheit 451 di Ray Bradbury. So che del suo periodo si cita sempre Orwell ma di fatto lui ha davvero ben descritto i danni che porteranno a una società distopica. Contraria di quella utopica: parlava della paura del pensiero comune diffusa dagli strumenti di massa. Dal seguire pensieri assolutisti annullando il tuo singolo, importante e profondo. Lo trovo attualissimo oggi."




 

Ge­sui­no Né­mus, con la sua con­sue­ta iro­nia ir­ri­ve­ren­te, di­ce:
«Poi­ché il fu­tu­ro sa­rà fem­mi­na, di­rei as­so­lu­ta­men­te que­sto».