Un libro deve frugare nelle ferite, anzi deve provocarle.
Un libro deve essere un pericolo.Emil Cioran
Éntula

Notizie



Categoria Stroncature


Se Scott Turow non si fida di Amazon

Amazon si compra Goodreads? Scott Turow, celebre romanziere di legal thriller, non è per nulla contento e non gliele manda a dire. “L'acquisizione di Goodreads da parte di Amazon è l'esempio perfetto di come si può costruire un moderno monopolio su internet” - ha dichiarato senza mezzi termini lo scrittore - “La chiave è eliminare o assorbire i concorrenti prima che comincino a dare veramente fastidio. Con i suoi 16 milioni di iscritti, Goodreads avrebbe facilmente potuto diventare un competitore on line nella vendita di libri o giocare un ruolo importante nell'indirizzare i suoi lettori verso altri siti d'acquisto. Amazon ha affondato quel potenziale e anche soffocato quello che stava rapidamente diventando il punto di riferimento per le migliori recensioni on line, molto più attrattivo di Amazon per chi cercava valutazioni indipendenti e discussioni sui libri. Come i pubblicitari hanno capito da tempo, la chiave per indirizzare le vendite è controllare le informazioni." Scott Turow non è un commentatore a caso, ma il presidente dell'Authors Guild, una specie di sindacato degli scrittori americani pubblicati che garantisce assistenza legale e contrattuale. È davvero così grave l'acquisizione di cui parla? Vi spieghiamo i motivi per cui lo è.
Visualizza

Sicuri che non esistano più le stroncature? Christian Raimo ne ha scritta una su Gianrico Carofiglio

Fa fatica pensare di uno scrittore – che viene considerato uno scrittore tale da poterlo candidare allo Strega e con cui ho rapporti anche amichevoli – che invece sia un non-scrittore, o almeno uno scrittore di non-letteratura. Però poi uno si scontra con il fatto abbastanza incontrovertibile che Il silenzio dell’onda di Gianrico Carofiglio è un libro sostanzialmente brutto, o talmente mal riuscito da essere brutto. Non perché costruito male, o quantomeno non perché costruito così male, ma perché scritto proprio male. Abbandonato il genere e gli scritti d’occasione (il Contromano Laterza su Bari, il saggio sempre Rizzoli sulla Manomissione delle parole), Carofiglio confeziona un testo superintimista, esiguamente narrativo, che ha l’ambizione di descrivere i grandi cambiamenti dell’anima con molte parole lapidarie e piccoli spostamenti dei corpi, ma che pagina dopo pagina cicca quasi completamente le sue ambizioni letterarie.

Visualizza