Ci sono crimini peggior del bruciare libri.
Uno di questi è non leggerli.Iosif Aleksandrovich Brodsk
Éntula

Én­tu­la e Sa­ru­le: La fron­tie­ra, l'ac­co­glien­za


LEOGRANDE SARULE
Én­tu­la 2017 ha pre­so l’av­vio lo scor­so 30 mar­zo, pro­ta­go­ni­sta Ales­san­dro Leo­gran­de, il suo li­bro La Fron­tie­ra e la co­mu­ni­tà di Sa­ru­le. Que­sto in­con­tro è sta­to l’e­sem­pio con­cre­to di ciò che vor­rem­mo di­ven­tas­se­ro tut­ti i no­stri ap­pun­ta­men­ti: una fon­te di ar­ric­chi­men­to, uno spun­to per af­fron­ta­re pic­co­li e gran­di te­mi, un’oc­ca­sio­ne per coin­vol­ge­re le per­so­ne, svi­lup­pa­re re­la­zio­ni e spri­gio­na­re le ener­gie che ogni co­mu­ni­tà pos­sie­de.

 

Il li­bro di Leo­gran­de è sta­to quin­di il pun­to di par­ten­za, per­ché af­fron­ta uno dei te­mi più at­tua­li, quel­lo dei flus­si mi­gra­to­ri che dal­l’A­fri­ca rag­giun­go­no l’Eu­ro­pa pas­san­do dal­l’I­ta­lia, “iso­le com­pre­se”. L’as­ses­so­ra al­la cul­tu­ra e la bi­blio­te­ca­ria, che da an­ni se­guo­no i ra­gaz­zi nel­la par­te­ci­pa­zio­ne al con­cor­so Li­bri­Li­be­ri, han­no pro­po­sto ai ra­gaz­zi la let­tu­ra del li­bro gui­dan­do­li con di­scus­sio­ni e ap­pro­fon­di­men­ti, e han­no chie­sto lo­ro di pro­va­re a fa­re co­me Leo­gran­de: in­con­tra­re e co­no­sce­re al­cu­ni dei ri­chie­den­ti asi­lo at­tual­men­te ospi­ti nei due cen­tri di ac­co­glien­za nel ter­ri­to­rio di Sa­ru­le e di Ol­zai, in­ter­vi­star­li e scri­ver­ne le sto­rie.

Un la­vo­ro di mol­to coin­vol­gen­te per i ra­gaz­zi, di cui vi pre­sen­tia­mo i ri­sul­ta­ti sen­za ul­te­rio­ri com­men­ti.
 
Que­st’an­no il con­cor­so di let­tu­ra Li­bri­Li­be­ri si è ar­ric­chi­to di con­te­nu­ti e di espe­rien­ze gra­zie al pro­get­to che, pren­den­do spun­to dal­la pre­sen­ta­zio­ne del li­bro “La Fron­tie­ra”, ci ha vi­sti coin­vol­ti per cir­ca un me­se nel­l’in­con­tro con i gio­va­ni ospi­ti dei cen­tri di ac­co­glien­za Don­ned­da e S’E­ru­la­riu.
Ab­bia­mo in­con­tra­to Aliou, Ali, Mous­sa e Abou­ba­kar in bi­blio­te­ca. Do­po un pri­mo mo­men­to di pre­sen­ta­zio­ni re­ci­pro­che, con di­gni­tà han­no ini­zia­to a rac­con­ta­re le lo­ro st
o­rie. 
Sarule1
Per cer­ti ver­si que­ste so­no si­mi­li fra lo­ro: tut­ti e quat­tro pro­ven­go­no da pae­si col­pi­ti dal­la guer­ra e que­sta si­tua­zio­ne, uni­ta ad al­tri con­flit­ti so­cia­li o fa­mi­lia­ri, li ha spin­ti ad ab­ban­do­na­re la lo­ro ter­ra na­ta­le e in­tra­pren­de­re un lun­go e ri­schio­so viag­gio dap­pri­ma ver­so il Nord del­l’A­fri­ca, do­ve i sub­sa­ha­ria­ni so­no con­si­de­ra­ti in­fe­rio­ri, e poi ver­so il Me­di­ter­ra­neo – da at­tra­ver­sa­re con bar­che e gom­mo­ni di pic­co­le di­men­sio­ni, gui­da­ti da equi­pag­gi im­prov­vi­sa­ti, nel­la spe­ran­za poi di tro­va­re una mi­glio­re con­di­zio­ne di vi­ta in Ita­lia o al­tri pae­si d’Eu­ro­pa. Ado­le­scen­ti che han­no do­vu­to ab­ban­do­na­re la lo­ro fa­mi­glia e il lo­ro pae­se da so­li, an­dan­do ver­so l’i­gno­to nel­la spe­ran­za di tro­va­re qual­co­sa di me­glio.
Fra tut­ti i par­ti­co­la­ri che ci han­no rac­con­ta­to, uno so­prat­tut­to ci è ri­ma­sto im­pres­so: la cru­del­tà con cui ven­go­no trat­ta­ti in Li­bia co­lo­ro che pro­ven­go­no dai pae­si del cen­tro Afri­ca. Ven­go­no sfrut­ta­ti, pic­chia­ti, co­stret­ti a vi­ve­re in con­di­zio­ni di­su­ma­ne. Il lo­ro la­vo­ro non è re­tri­bui­to: la ri­com­pen­sa sa­rà sa­li­re in quel gom­mo­ne che li por­te­rà in Ita­lia, lon­ta­no da quel­la con­di­zio­ne dif­fi­ci­le.
Esi­ste il di­rit­to a po­ter emi­gra­re per mi­glio­ra­re la pro­pria con­di­zio­ne. Al­lo stes­so mo­do esi­ste an­che il di­rit­to di non do­ver emi­gra­re, os­sia il di­rit­to di tro­va­re in pa­tria con­di­zio­ni che per­met­ta­no una di­gni­to­sa rea­liz­za­zio­ne del­l’e­si­sten­za. Se per quan­ti fug­go­no da guer­re e mi­se­ria oc­cor­re apri­re ca­na­li uma­ni­ta­ri si­cu­ri, per chi de­ci­de di re­sta­re nel pro­prio pae­se bi­so­gna at­tua­re pro­gram­mi di coo­pe­ra­zio­ne in­ter­na­zio­na­le svin­co­la­ti da in­te­res­si di par­te. Ma al di là di que­sto ci de­ve es­se­re an­che la so­li­da­rie­tà di fron­te al­le tra­ge­die di que­sti emi­gra­ti, sen­ti­men­ti di em­pa­tia e com­pas­sio­ne.
L’in­con­tro è sta­to co­strut­ti­vo e ha di­mo­stra­to che es­se­re un ra­gaz­zo di co­lo­re non vuol di­re es­se­re de­lin­quen­te o ter­ro­ri­sta. So­no dei ra­gaz­zi co­me noi, in­tel­li­gen­ti, sim­pa­ti­ci, con so­gni e am­bi­zio­ni. Pro­via­mo a pen­sa­re co­me si pos­sa sen­ti­re un ra­gaz­zo che de­ve af­fron­ta­re que­sto viag­gio da so­lo, sen­za la pro­pria fa­mi­glia o gli ami­ci, es­se­re vit­ti­ma di vio­len­ze di va­rio ge­ne­re e non es­se­re ac­cet­ta­to dal pae­se ospi­tan­te. An­che se è trop­po pre­sto per par­la­re di in­te­gra­zio­ne, non dob­bia­mo mai di­men­ti­car­ci che ab­bia­mo da­van­ti una per­so­na e co­me ta­le va trat­ta­ta e ri­spet­ta­ta. Non pos­sia­mo, non dob­bia­mo chiu­de­re le por­te a chi vie­ne da noi per sal­var­si da si­tua­zio­ni im­pos­si­bi­li! Ri­cor­dia­mo­ci sem­pre che non bi­so­gna mai giu­di­ca­re un li­bro dal­la co­per­ti­na.


Aliou Man­neh ha 18 an­ni e ar­ri­va dal Gam­bia. La sua pas­sio­ne è il cal­cio, è mol­to bra­vo nel­lo stu­dio e il suo so­gno è quel­lo di ri­ma­ne­re qua in Ita­lia. Sta im­pa­ran­do l’i­ta­lia­no, ma per rac­con­tar­ci la sua sto­ria si fa aiu­ta­re da Mous­sa.
Ar­ri­va a Ca­glia­ri il 26 Mag­gio del 2016.
Aliou scap­pa dal suo pae­se per­ché la sua fa­mi­glia ha se­ri pro­ble­mi con il go­ver­no, cau­sa­ti da suo pa­dre gior­na­li­sta, che un gior­no scri­ve un ar­ti­co­lo non gra­di­to al dit­ta­to­re che lo fa ar­re­sta­re.
I suoi fa­mi­lia­ri ven­go­no a sa­pe­re del­l’ar­re­sto so­lo dal­le no­ti­zie tra­smes­se al­la ra­dio e dai gior­na­li; lo cer­ca­no in tut­te le pri­gio­ni fin­ché non ven­go­no a sa­pe­re che il pa­dre di Aliou è am­ma­la­to gra­ve­men­te e che si tro­va in ospe­da­le. Aliou in­tui­sce che que­sto è so­lo un pia­no per uc­ci­der­lo. Tut­ti que­sti fat­ti si sus­se­guo­no nel 2012.
Do­po tre an­ni la fa­mi­glia vie­ne a sa­pe­re che il pa­dre di Aliou è mor­to a cau­sa di una gra­ve ma­lat­tia. Da quel mo­men­to, per la fa­mi­glia, la vi­ta si com­pli­ca: da be­ne­stan­te qual era, con la per­di­ta del ca­po­fa­mi­glia vie­ne a man­ca­re an­che la si­cu­rez­za eco­no­mi­ca.
Aliou de­ve ter­mi­na­re i suoi stu­di e non aven­do i sol­di ne­ces­sa­ri de­ci­de di chie­de­re aiu­to agli uf­fi­ci del pa­dre. Que­sti lo aiu­ta­no si­no al su­pe­ra­men­to del­l’e­sa­me, che nel no­stro si­ste­ma sco­la­sti­co cor­ri­spon­de al­la ter­za me­dia.
I suoi sol­di non ba­sta­no per man­te­ne­re la fa­mi­glia e co­sì Aliou de­ci­de di in­tra­pren­de­re il viag­gio per la Li­bia, che du­ra sei me­si. Par­te dal Gam­bia, pas­sa per il Se­ne­gal, at­tra­ver­sa il Ma­li, il Bur­ki­na Fa­so, il Ni­ger, fi­no ad ar­ri­va­re in Li­bia. Qua tro­va dei ra­gaz­zi che la­vo­ra­no co­me lui; un suo co­no­scen­te cer­ca la­vo­ro per stra­da: vie­ne in­tra­vi­sto dal­la po­li­zia e vie­ne ar­re­sta­to per­ché non pos­sie­de il do­cu­men­to di sog­gior­no per la Li­bia. Gli al­tri ra­gaz­zi, per pau­ra di es­se­re ar­re­sta­ti, scap­pa­no.
Aliou vuo­le tor­na­re in Gam­bia, ma non aven­do sol­di de­ci­de di par­ti­re per l’I­ta­lia, su un bar­co­ne lun­go dai cin­que ai set­te me­tri in­sie­me ad al­tre 123 per­so­ne di ogni età, ge­ne­re e ses­so (uo­mi­ni, don­ne e bam­bi­ni). Il viag­gio in ma­re du­ra due gior­ni a cau­sa di un gros­so pro­ble­ma del bar­co­ne. Aliou vie­ne sal­va­to dal­la guar­dia co­stie­ra e por­ta­to a Ca­glia­ri. 
Ades­so è sta­to in­se­ri­to nel cen­tro d’ac­co­glien­za che si tro­va in lo­ca­li­tà “Don­ned­da”, nel pae­se di Sa­ru­le, in pro­vin­cia di Nuo­ro.
La sto­ria di Aliou co­me quel­la dei suoi com­pa­gni è una sto­ria di do­lo­re e di sof­fe­ren­za, ma tut­ti lo­ro si so­no re­si di­spo­ni­bi­li a con­di­vi­der­la con noi, an­che se que­sto ha si­gni­fi­ca­to ri­cor­da­re mo­men­ti ter­ri­bi­li del­la lo­ro vi­ta.
Tut­ti han­no af­fron­ta­to quel­la tra­ver­sa­ta, quel viag­gio ver­so qual­co­sa di mi­glio­re, scap­pan­do da si­tua­zio­ni tal­men­te tra­gi­che che cre­do noi non riu­scia­mo nean­che a im­ma­gi­na­re. Io pen­so che chi af­fron­ta quel viag­gio del­la spe­ran­za, per­ché poi si trat­ta di que­sto, scap­pa da una si­tua­zio­ne ve­ra­men­te in­so­ste­ni­bi­le e spe­ra di tro­va­re un po­sto mi­glio­re.
Sarule2
Mous­sa Dem­be­lè ha 20 an­ni, è ospi­te del cen­tro di ac­co­glien­za di Ol­zai ed è qui da due an­ni. Ci par­la len­ta­men­te, con un ita­lia­no chia­ro che ha im­pa­ra­to da so­lo at­tra­ver­so i di­zio­na­ri.
Vie­ne dal Ma­li, uno sta­to al­l’in­ter­no del­l'A­fri­ca Oc­ci­den­ta­le ca­rat­te­riz­za­to dal­la lot­ta per il po­te­re fra i ber­ret­ti ros­si e i ber­ret­ti ver­di.
È pro­prio que­sta di­vi­sio­ne po­li­ti­co-mi­li­ta­re che ha por­ta­to Mous­sa a scap­pa­re. Do­po la mor­te del­la mam­ma, suo pa­dre vie­ne ar­re­sta­to poi­ché ap­par­te­nen­te al­la fa­zio­ne che in quel mo­men­to era in mi­no­ran­za. Mous­sa, te­men­do di es­se­re per­se­gui­ta­to per­ché suo fi­glio, de­ci­de di an­da­re via.
Si tra­sfe­ri­sce dap­pri­ma in Al­ge­ria, do­ve la­vo­ra co­me ma­no­va­le. Qui co­no­sce ra­gaz­zi di al­tri pae­si con i qua­li si spo­sta ver­so il nord del Pae­se, do­ve le con­di­zio­ni so­no pes­si­me. Le per­so­ne pro­ve­nien­ti dal­le re­gio­ni sub­sa­ha­ria­ne ven­go­no con­si­de­ra­te in­fe­rio­ri nei pae­si co­me il Ma­roc­co, l'Al­ge­ria e la Tu­ni­sia, e trat­ta­ti co­me de­gli schia­vi. Li ob­bli­ga­no a la­vo­ra­re du­ra­men­te per una mi­se­ra pa­ga, ap­pe­na suf­fi­cien­te per com­prar­si dei vi­ve­ri. Dal­l’Al­ge­ria, Mous­sa si spo­sta in Li­bia con la spe­ran­za di tro­va­re una si­tua­zio­ne mi­glio­re, ma co­sì non è. Le gior­na­te so­no du­re e le con­di­zio­ni in cui ven­go­no co­stret­ti a vi­ve­re so­no de­ci­sa­men­te peg­gio­ri di quel­le vis­su­te in Al­ge­ria.
Mous­sa rie­sce a re­cu­pe­ra­re la som­ma di de­na­ro per po­ter par­ti­re. L’im­bar­ca­zio­ne è lun­ga ap­pe­na set­te me­tri e de­ve ac­co­glie­re 161 per­so­ne. “Io pen­so a tut­te que­ste per­so­ne, vi­te, spin­te a for­za den­tro que­sti bar­co­ni. Una per­so­na non vie­ne con­si­de­ra­ta co­me un es­se­re uma­no, ma co­me un es­se­re che ha pa­ga­to una gros­sa som­ma di de­na­ro per ri­schia­re la vi­ta den­tro un bar­co­ne”.
Mous­sa ci rac­con­ta di aver na­vi­ga­to un gior­no e mez­zo pri­ma di es­se­re sal­va­to dal­la Guar­dia Co­stie­ra Ita­lia­na e ci de­scri­ve la pau­ra quan­do ad un cer­to pun­to il bar­co­ne ha ini­zia­to a im­bar­ca­re ac­qua. “Ave­vo pau­ra di mo­ri­re, non ave­vo più for­ze, è sta­ta una ma­dre con il suo pic­co­lo a in­co­rag­giar­mi e a co­min­cia­re ad as­sor­bi­re l'ac­qua con i ve­sti­ti che ave­va­mo ad­dos­so”.
Ven­go­no sal­va­ti da una na­ve mi­li­ta­re, por­ta­ti nel por­to più vi­ci­no do­ve ri­ce­vo­no una co­per­ta, da man­gia­re e poi ven­go­no sud­di­vi­si in ba­se al­la pro­ve­nien­za. Il gior­no do­po vie­ne spie­ga­to lo­ro do­ve si tro­va­no e co­sa de­vo­no fa­re e poi tra­sfe­ri­ti in cen­tri d'ac­co­glien­za spar­si nel ter­ri­to­rio.
Da que­sto rac­con­to è emer­so che an­che in Afri­ca esi­ste un Nord e un Sud. Che an­che l’A­fri­ca è raz­zi­sta.
Mous­sa è fe­li­ce di vi­ve­re nel cen­tro di Ac­co­glien­za di Ol­zai. Ci con­fi­da che il suo so­gno è ri­ma­ne­re lì e in par­ti­co­la­re con An­to­nio, il suo me­dia­to­re cul­tu­ra­le.

Abou­ba­kar Con­dè è un ra­gaz­zo del­la Gui­nea Co­na­kri, ha 19 an­ni. Fug­gi­to dal suo Pae­se a cau­sa di pro­ble­mi fa­mi­lia­ri, è ar­ri­va­to in Ita­lia il 19 ot­to­bre 2015. Il pa­dre ha spo­sa­to tre don­ne e da ognu­na di es­se ha avu­to un fi­glio. Con i due fra­tel­la­stri la­vo­ra in cam­pa­gna, ma da lo­ro non vie­ne con­si­de­ra­to. An­zi.
Quan­do la ma­dre muo­re, le al­tre due mo­gli de­ci­do­no di man­dar­lo via.
Un gior­no il fra­tel­la­stro più gran­de vie­ne mor­so da un ser­pen­te e muo­re. Abou­ba­kar vie­ne ac­cu­sa­to dal­la ma­dre del­la vit­ti­ma di aver­lo uc­ci­so. La don­na va dal ma­ri­to, gli rac­con­ta il fat­to e que­sto per pu­nir­lo gli spa­ra. Per for­tu­na non lo col­pi­sce. Abou­ba­kar rie­sce a scap­pa­re e gra­zie al fat­to che è bra­vo co­me mec­ca­ni­co rie­sce a tro­va­re la­vo­ro per quat­tro me­si. Un gior­no, men­tre è al la­vo­ro, vie­ne rag­giun­to dal fra­tel­la­stro che lo av­ver­te di non toc­ca­re i sol­di del­la ma­dre e gli in­ti­ma di non far­si più ve­de­re. Il da­to­re di la­vo­ro gli pro­po­ne di an­da­re a la­vo­ra­re nel Ni­ger. Co­sì ini­zia il suo viag­gio.
Pri­ma si tra­sfe­ri­sce ad Aga­dez e poi a Sa­bà. Dal Ni­ger si tra­sfe­ri­sce in Al­ge­ria, do­ve fa il mu­ra­to­re. Qui co­no­sce al­tri ra­gaz­zi con i qua­li si spo­sta al nord, do­ve fa il pa­sto­re.
Gli Sta­ti del nord Afri­ca qua­li il Ma­roc­co, la Li­bia, l’Al­ge­ria con­si­de­ra­no i pae­si co­me il Ma­li, la Ni­ge­ria, il Se­ne­gal in­fe­rio­ri a lo­ro.
Dal­l’Al­ge­ria, Abou­ba­kar rag­giun­ge la Li­bia do­ve gli ven­go­no pre­si tut­ti i sol­di e vie­ne mes­so in pri­gio­ne.
Rie­sce a eva­de­re dal­la pri­gio­ne, e de­ci­de di im­bar­car­si per l’I­ta­lia. La not­te in cui do­ve­va par­ti­re vie­ne por­ta­to nel­la spiag­gia e lì os­ser­va il bar­co­ne lun­go set­te me­tri e una mol­ti­tu­di­ne di per­so­ne, uo­mi­ni, don­ne e bam­bi­ni (in tut­to 137) che si sa­reb­be­ro do­vu­te im­bar­ca­re con lui. Lo as­sa­le la pau­ra e de­ci­de di non par­ti­re, ma se non l’a­ves­se fat­to gli or­ga­niz­za­to­ri del viag­gio lo avreb­be­ro am­maz­za­to. Pri­ma di quel­la not­te, Abou­ba­kar non ave­va mai vi­sto il ma­re.
Il viag­gio per l’I­ta­lia è du­ra­to un gior­no e mez­zo. Du­ran­te il tra­git­to il bar­co­ne si è riem­pi­to d’ac­qua e due ra­gaz­zi so­no mor­ti. Abou­ba­kar è sta­to sal­va­to dal­la guar­dia co­stie­ra ed è ar­ri­va­to a Ca­glia­ri do­ve è sta­to sot­to­po­sto al­le vi­si­te me­di­che e poi tra­sfe­ri­to nel cen­tro di ac­co­glien­za Don­ned­da.
Abou­ba­kar, co­me gli al­tri ra­gaz­zi, fa par­te del­la ca­te­go­ria dei “so­prav­vis­su­ti”: co­lo­ro che pos­so­no rac­con­ta­re di quel viag­gio; mol­ti non pos­so­no far­lo per­ché quel­lo stes­so ma­re che è il pas­sag­gio ver­so un fu­tu­ro mi­glio­re è sta­ta la cau­sa del­la lo­ro mor­te. E dal­la mor­te non avreb­be­ro co­mun­que tro­va­to scam­po, in quan­to o si muo­re in ma­re, o chi si ri­fiu­ta di sa­li­re nel­la “bar­ca” vie­ne uc­ci­so. Una del­le fra­si che mi han­no col­pi­to di più nei lo­ro rac­con­ti è sta­ta pro­prio la sua, quan­do ci ha ri­ve­la­to che pri­ma di al­lo­ra non ave­va mai vi­sto il ma­re e che pri­ma di sa­li­re sul bar­co­ne ha do­vu­to sce­glie­re tra una mor­te cer­ta e una mor­te pro­ba­bi­le.
Sarule3

Ali El­miab­di è un ra­gaz­zo di 18 an­ni na­to e cre­sciu­to a Mo­ga­di­scio, ca­pi­ta­le del­la So­ma­lia, sta­to si­tua­to nel­l'A­fri­ca Orien­ta­le. È il più pic­co­lo di sei fra­tel­li che han­no per­so il pa­dre, ri­ma­sto vit­ti­ma di omi­ci­dio.
Fre­quen­ta la scuo­la pub­bli­ca per 5 an­ni, ma, a cau­sa dei gros­si pro­ble­mi eco­no­mi­ci e so­cia­li che in­con­tra, si ve­de co­stret­to a in­ter­rom­pe­re i suoi stu­di. Ol­tre al­la pre­ma­tu­ra scom­par­sa del pa­dre e ai con­flit­ti ar­ma­ti che la­ce­ra­no la sua cit­tà e il suo Sta­to, so­prag­giun­ge la ma­lat­tia di sua ma­dre a ren­de­re an­co­ra più dif­fi­ci­le la vi­ta di Ali e dei suoi fra­tel­li. Tut­to que­sto lo por­ta al­la dif­fi­ci­le de­ci­sio­ne di ab­ban­do­na­re i suoi ca­ri per an­da­re a cer­ca­re mi­glior for­tu­na fuo­ri, con l'o­biet­ti­vo di cam­bia­re la sua vi­ta e po­ter dun­que aiu­ta­re la stes­sa fa­mi­glia.
Ra­ci­mo­la­ti 300$ gra­zie a una col­let­ta di ami­ci e pa­ren­ti, Alì la­scia la So­ma­lia nel­l'a­pri­le del 2015, ini­zian­do co­sì il suo viag­gio: at­tra­ver­sa Etio­pia e Su­dan ar­ri­van­do in Li­bia do­ve, co­me tut­ti i mi­gran­ti che stan­no lì, vie­ne sfrut­ta­to e usa­to per la­vo­ra­re e "gua­da­gnar­si" il bi­gliet­to per l'Eu­ro­pa.
Il suo so­gno e la sua vo­glia di una vi­ta de­cen­te in Eu­ro­pa so­no mol­to più for­ti dei so­pru­si e dei mal­trat­ta­men­ti che Ali su­bi­sce in Li­bia fi­no al 18 mar­zo 2016, gior­no in cui sa­le sul bar­co­ne che at­tra­ver­sa l'in­fer­no del Me­di­ter­ra­neo per ar­ri­va­re al pa­ra­di­so chia­ma­to "Eu­ro­pa", bar­co­ne col­mo non so­lo di per­so­ne, ma an­che di spe­ran­za e del­la for­te pau­ra di mo­ri­re du­ran­te il viag­gio.
Do­po due gior­ni in ma­re Ali e i suoi com­pa­gni di viag­gio ven­go­no trat­ti in sal­vo da una im­bar­ca­zio­ne spa­gno­la, la qua­le at­trac­ca suc­ces­si­va­men­te a Ca­glia­ri met­ten­do fi­ne al­la sua pau­ra di mo­ri­re ma non al­la sua spe­ran­za di in­te­gra­zio­ne e di co­stru­zio­ne di quel fu­tu­ro che ogni ra­gaz­zo di 18 an­ni al mon­do so­gna di ave­re e che, pur­trop­po, non avreb­be mai po­tu­to col­ti­va­re nel­la sua So­ma­lia. Alì so­gna ov­via­men­te an­che di po­ter tor­na­re a ca­sa in fu­tu­ro, ma­ga­ri non tro­van­do più la mi­se­ria e la guer­ra che lo han­no co­stret­to ad an­dar­se­ne.