I libri che il mondo chiama immorali sono i libri che mostrano al mondo la sua vergogna.Oscar Wilde
Éntula

Appuntamenti imperdibili

Facciamo Stile Lìberos... a Villa Verde

Stile Lìberos a Villa VerdeIl terzo convegno Stile Lìberos, culmine del festival Éntula, sarà a Villa Verde (OR), l’8 e il 9 novembre, con un'anteprima a Cagliari il 7. Il tema di quest’anno è L’economia della conoscenza: la cultura che crea sviluppo e non è un caso se abbiamo scelto proprio Villa Verde, e più precisamente lo spazio Move The Box, per parlare di sviluppo legato alla cultura.
 


Il Centro di Produzione Culturale della Marmilla Move The Box è un progetto dell’Agenzia di Sviluppo Locale Due Giare, volto a contribuire allo sviluppo dell’area tramite iniziative innovative di riconversione economica e sociale del territorio rurale. 
Move The Box nasce infatti dalla riconversione di un’imponente struttura dismessa, l’ex-orfanotrofio di Villa Verde, acquisita dal Consorzio Due Giare intorno al 2008. Il complesso è un luogo di lavoro, creazione e ricerca, versatile, attrezzato e polivalente, per la realizzazione di spettacoli e di attività formative con annessa area foresteria. Il nome racchiude e simboleggia il dinamismo mentale che si intende stimolare con l’attivazione dei processi di crescita culturale: Move The Box - Muovi la scatola! Move your mind! Stimola la tua mente! (Non vi ricorda éntula?)

Il Centro, ideato sul duplice principio di interdisciplinarietà e interculturalità, vuole essere un luogo per l’investimento sull’Economia della Conoscenza e sulla capacità di costruire impresa attorno ad essa, uno spazio dedicato ad ospitare talenti appartenenti a tutti i settori culturali e creativi, ricercatori e strutture di formazione d’eccellenza, oltre a incubatori di imprese innovative.

Ecco quindi che le strade di Lìberos e Villa Verde si incontrano: il percorso intrapreso da entrambi incide sulla conoscenza e sulla crescita del capitale umano di un territorio e sull’incremento della esposizione dei cittadini alla cultura. È ormai dimostrato scientificamente che l’accesso culturale e il contatto con la creatività genera, in chi lo vive, predisposizione all’innovazione, apertura mentale, curiosità intellettuale, disponibilità al cambiamento e benessere fisico e mentale.

Noi saremo lì l’8 e il 9 novembre, a discutere di economia della conoscenza, cultura e sviluppo, con Massimo Bray, Stefano Salis, Marino Sinibaldi, Alessandro Gazoia, Maurizio CaminitoRoberto Ippolito, Paolo Costa e Twitteratura, Nicola Pirina, Amleto Picerno Ceraso, Carlo Mancosu e Giovanni Lombardo... Oltre ai temi strettamente legati al mondo del libro, apriremo anche alla cultura più in generale, all'innovazione e all'etica applicata alle imprese.
L’invito che vi rivolgiamo non è solo quello di esserci in quei due giorni (qui il programma completo), ma anche di prendere contatto con quella realtà, con quei progetti e con quelle persone, che come noi credono che le risorse culturali siano un fattore di sviluppo, anche economico, del territorio e che il capitale umano sia il vero motore di una comunità.


P.S. Se nel frattempo volete saperne di più sul Consorzio Due Giare e sul Move The Box, leggete qui.

Puoi seguire la diretta da qui