L'uomo costruisce case perché è vivo, ma scrive libri perché si sa mortale. Vive in gruppo perché è gregario, ma legge perché si sa solo.Daniel Pennac
Éntula

Iolanda Romano a piede lìberos

Locandina ROMANO Resistere all'eolico selvaggio, fermare l'inceneritore, dire no ai pannelli solari senza regole, impedire i radar militari, rifiutare fermamente le trivelle. Sta accadendo da mesi in Sardegna, dove i cittadini organizzati in comitati spontanei si stanno difendendo da un esercito di decisioni strutturali che in apparenza hanno tutte natura diversa, ma nella modalità rivelano procedure sempre identiche: le scelte vengono fatte a monte senza la minima comunicazione e chi vive sui territori viene messo davanti al fatto compiuto e può solo provare, se fa in tempo, a fare azione di sbarramento. Non bisogna farsi condizionare dalla piazza, dicono i politici gelosi del loro ruolo di decisori delegati. Non possono scegliere sulla nostra testa senza nemmeno ascoltarci, dicono i cittadini su cui quelle decisioni devono ricadere. Chi ha ragione? Cosa è giusto fare?