Un libro è un giardino che puoi custodire in tasca.Proverbio cinese
Éntula

Notizie



Notizie taggate Nicolò Migheli


Contributi: Mesina è un mito urbano

Bisogna aver avuto sedici anni nel 1966 ed aver visto lo sguardo disperato di un tuo amico a cui avevano sequestrato il padre. Averlo visto quel povero corpo in decomposizione buttato sotto un macchia di rovo, e avere memoria del lezzo di cadavere che ti resta nelle narici per settimane. Bisogna essere stati ragazzi in quegli anni tremendi; a mezzo servizio tra scuola ed ovile, tra sogni di riscatto civile e il peso di una delinquenza cinica che uccide ogni aspirazione. Andare in campagna con lo sguardo rivolto da un’altra parte per paura di vedere cose che non dovrebbero essere viste.

Visualizza

Appuntamenti imperdibili: Parte l'edizione 2013 di Ananti de sa ziminera

Cosa c'è di meglio di un bel fuoco acceso quando fuori fa freddo per farsi una bella chiacchierata in pace con gli amici, magari con un bicchiere di buon vino in mano? A Bauladu lo sanno da qualche anno che l'inverno è un buon momento per parlare di libri, di cultura e di futuro e per questo tra pochi giorni daranno il via alla quarta edizione di un festival che ormai è diventato tradizionale nell'alto campidano: Ananti de sa ziminera, davanti al fuoco acceso, appunto.

Visualizza

Contributi: La collana improbabile di Gustavo Pratt: libri inverosimili per tempi difficili

E se gli autori sardi avessero avuto il coraggio di essere se stessi fino alle estreme conseguenze? E se le loro case editrici fossero state così temerarie da titolare i libri come sarebbe stato giusto? Gustavo Pratt, esperto in pastiche letterario sardo dal talento già ampiamente comprovato in quel capolavoro che resta Scrittori à la carte, ha provato a immaginare per noi le copertine e i titoli di una collana improbabile, ma molto verosimile. Forse quello che avremo trovato in libreria in tempi più coraggiosi sarebbe stato questo...

 

Visualizza

Finalisti Lìberos al premio Alziator: Migheli e De Sa Moreira

Ieri sono stati annunciati i finalisti delle diverse sezioni del premio Alziator e due autori del circuito Lìberos sono presenti in quella di narrativa (Nicolò Migheli e il suo Hidalgos, edito da Arkadia) e nella speciale dedicata agli stranieri (Regis de sa Moreira con Il Libraio, edito da Aìsara, nella foto). Piazzamenti meritati, per i quali attendiamo conferme nella finale del 29 ottobre.

Visualizza

Tìrali a casino: I cinque illeggibili di Nicolò Migheli

nicolaNicolò Migheli è nato nel 1950 a Santu Lussurgiu, l'unico paese del Montiferru che si crede in Barbagia. E' sociologo e si occupa di sviluppo rurale e di comportamento organizzativo. Oltre a diverse pubblicazioni di carattere scientifico, quest'anno ha pubblicato per Arkadia il romanzo Hidalgos, il primo libro in assoluto ad essere stato presentato sotto l'egida di Lìberos.


Da lettore onnivoro i libri tendo a leggerli tutti, certi anche a fatica, ma fino in fondo. Quelli che non mi sono piaciuti li relegherei in una sezione della biblioteca classificati come libri tirati a casino. Ci aggiungerei un cartello con su scritto:”Da leggersi dopo comprovata preparazione propedeutica.” Tutti i libri sono scritti con le migliori intenzioni, anche se i lettori ne rivelano le peggiori. Il riferimento è voluto. Sui gusti letterari regna, giustamente, una soggettività che nessun giudizio negativo o positivo altrui potrà mai scalfire. Ed è bene che sia così. Niente autodafé, ma istruzioni per non avvelenarsi. Poi ognuno è libero di fare come crede.
Non ho mai amato il pensiero negativo e tanto meno la revisione che ne ha fatto certa sinistra negli anni scorsi. Ho tentato più volte di capire Friedrich Nietzsche, ma quel che dice non lo condivido. Tra i suoi scritti quello che più relegherei in quella sezione è: L’anticristo, maledizione del cristianesimo. Un libro che ha avvelenato le fonti del pensiero novecentesco. Teorie approdate nel Mito del XX secolo di Alfred Rosemberg, teorico del nazismo, della purezza della razza, e della religione nazionale tedesca. Il male assoluto ha padri folli.
Il libro cuore di Edmondo De Amicis. Bisogna essere nati negli anni cinquanta, cresciuti selvatici, per parteggiare irrimediabilmente per Franti e detestare quel libro. Le nostre maestre ci obbligavano a leggerlo per diventare (secondo loro) cittadini esemplari, devoti all’autorità. Non puoi essere Enrico Battini se stacchi una ghianda dall’albero con la fionda.

Visualizza

Il cerchio si è chiuso

Placido CherchiTenere tra le mani l’ultima fatica di un caro amico mentre il telefono squilla e ti dicono che è morto. Questo per me sarà l’ultimo ricordo di Placido Cherchi, uno degli intellettuali più brillanti del nostro tempo.
Visualizza

Appuntamenti imperdibili: Éntula: viaggio nel '500 con il nuovo romanzo di Nicolò Migheli

MigheliDalle Fiandre al sud Italia, dalla Spagna alla Sardegna, viaggi, avventure e guerre di Diego Henares. Dopo il successo di Hidalgos, il nuovo romanzo di Nicolò Migheli La storia vera di Diego Henares de Hastorga (Arkadia editore), a piede lìberos Cagliari, Bortigiadas, Terralba, Belvì e Ottana. Quattro date che fanno parte del Festival Letterario Diffuso Éntula curato dall’associazione culturale Lìberos. 
Visualizza

Riflessioni utili: Raccontare la Storia con le storie

MigheliQuanto il verosimile ha il potere di restituire il vero? Rilanciamo il bell'articolo di Nicolò Migheli uscito su Sardegna Soprattutto. Lunedì 2 marzo il prossimo incontro sul tema "Alla ricerca della storia perduta". 

Avere una storia, riconoscersi in essa, è uno dei bisogni innati dell’essere umano. Un modo per stabilire una continuità con le generazioni antecedenti. Capire da dove si viene. Nonostante l’esigenza, questo è un tempo che tende a dimenticare facilmente. Schiacciati sul presente facciamo difficoltà a leggerlo perché sottovalutiamo le tendenze di lunga durata.
Visualizza

Appuntamenti imperdibili: Il viaggio di Arte³

consultaDa quattro anni a questa parte una consulta giovanile di un paesino del Campidano oristanese organizza un festival multi - artistico chiamato ARTE³ (“Arte al cubo”). La manifestazione, da sempre, si tiene nel mese di marzo e mantiene invariato fin dalla prima edizione un format innovativo per il territorio: un tema, differente di anno in anno, attorno al quale ruotano svariate forme d’arte; dei pacchetti promozionali pensati per l’occasione dalle strutture ricettive che desiderano farsi conoscere; un aperitivo che precede ogni serata per valorizzare i prodotti locali.
Visualizza

Libere interpretazioni: Chi­rù o del­la scuo­la im­pro­pria

murgia_coverQue­sto è un tem­po sen­za mae­stri. Un tem­po che ha qua­si so­sti­tui­to il rap­por­to edu­ca­ti­vo con agen­zie di sen­so glo­ba­li, sia­no es­se la te­le­vi­sio­ne o la re­te. Un’e­po­ca di pen­sie­ri bre­vi che di­ven­ta­no ob­so­le­ti di ora in ora. Si è rot­to il pat­to che per­met­te­va ai gio­va­ni di in­se­rir­si nel­la con­ti­nui­tà del­le ge­ne­ra­zio­ni.
Visualizza