Non esistono libri morali o immorali. I libri sono scritti bene o scritti male. Questo è tutto.Oscar Wilde
Che Fare Éntula
×

Noi siamo Lìberos, e tu?




Perché per leggere alcuni contenuti occorre registrarsi?

Molte persone che vorrebbero leggere i nostri contenuti ci dicono di aver rinunciato a farlo perché occorre registrarsi. Alcuni lo percepiscono come un limite alla diffusione dei contenuti, altri come un'estorsione di dati, altri semplicemente come una perdita di tempo. Noi abbiamo ragionato a lungo prima di prendere la decisione di rendere i contenuti visibili solo agli iscritti. Quelli che seguono sono i cinque principali motivi per cui per leggere la homepage di Lìberos.it occorre registrarsi. Questo post resterà sempre in evidenza.

Leggi tutto

Partner: Palmas Arborea aderisce a Lìberos

Posizione del comune di Palmas Arborea nella provincia di OristanoIl comune di Palmas Arborea ha deliberato di aderire a Lìberos. Molti amministratori ci stanno contattando per capire come possono fare lo stesso. Non è difficile: il primo atto è una delibera di adesione al circuito e al codice etico da parte dell'ente (mandatecela, però, se no non sappiamo che ci siete!). Se sei un amministratore e vuoi saperne di più, scrivi a segreteria@liberos.it.

#unlibroèunlibro: una visione a mille pollici

ebook-tabletDopo #altrocheamazon, la campagna partita da alcune librerie per rivendicare l’insostituibilità dei librai, l’autunno caldo dell’editoria continua, sempre su Twitter, con la campagna - stavolta promossa dall’Associazione italiana editori - Un libro è un libro.

Benvenuti, volontari di Lìberos!

Ce lo chiedevate in tanti da mesi. "Come posso aiutare?" "Serve una mano?" "Ditemi se posso far qualcosa!" Alla fine siamo riusciti ad organizzare una piccola rete, sparsa in tutta la Sardegna, di lettori come voi che hanno voglia di essere coinvolti nell'organizzazione degli eventi Lìberos, sempre più numerosi e vari man mano che passano le settimane. Per l'estate e l'autunno si prospettano molte sorprese e per poter contribuire ad organizzarle al meglio basta davvero poco: si dà la propria disponibilità alla mail segreteria@liberos.it, si ricevono la maglietta e la sacca personalizzate (con una sorpresa dentro) e si fa quel che si può. Potrebbero capitarvi cose come:

Hai pagato per pubblicarti? Ecco cosa succede dopo

"Ho scritto un libro".
Una delle frasi che da quando ho creato CriticaLetteraria sento più spesso dopo la stretta di mano. Alternativa? "Sai, il mio amico Tizio ha scritto un libro". Poi si passa alla fase B: "Mi piacerebbe molto fartene avere una copia... Sai, il suo editore è piccolo, gli ha fatto ritirare una vagonata di copie e adesso lui/lei non sa che farne".

Appuntamenti imperdibili: Il viaggio di Arte³

consultaDa quattro anni a questa parte una consulta giovanile di un paesino del Campidano oristanese organizza un festival multi - artistico chiamato ARTE³ (“Arte al cubo”). La manifestazione, da sempre, si tiene nel mese di marzo e mantiene invariato fin dalla prima edizione un format innovativo per il territorio: un tema, differente di anno in anno, attorno al quale ruotano svariate forme d’arte; dei pacchetti promozionali pensati per l’occasione dalle strutture ricettive che desiderano farsi conoscere; un aperitivo che precede ogni serata per valorizzare i prodotti locali.

Riflessioni utili: L'associazionismo che ci frena

paroleingabbiaE se l'associazionismo, a volte, fosse un freno per la cultura?
Chiederlo in un paese come il nostro suona quasi come un'eresia: le associazioni, in particolar modo quelle non riconosciute, sono l'ossatura civica dell'Italia. E' attorno all'associazionismo che si organizza la vita culturale diffusa sui territori, dagli eventi musicali a quelli teatrali passando per i gruppi di appassionati di arte e letteratura. In moltissimi casi, le associazioni svolgono un lavoro di alfabetizzazione culturale di base che le istituzioni non riescono a portare avanti. Come può, questo, essere considerato un ostacolo?

Partner: Di cosa parliamo quando parliamo di Sardex

Moneta a chilometro zero. Moneta alternativa a tasso zero. Moneta virtuale contro la crisi. Circuito di credito commerciale. Mercato parallelo. Sembra che quando si parla di Sardex si parli solo di soldi. Ma è solo questo, Sardex?
Sulle magliette di Lìberos c’è scritto Con la cultura si mangia, e non abbiamo certo timore di parlare di soldi, noi, ché chi lavora nella cultura non è un’anima bella che vive d’aria. Eppure, quando pensiamo a Sardex, noi di Lìberos vediamo altro, soprattutto altro.

Buone notizie: Sostenendo Godot

2015-01-25 19.09.30
La sfida per salvare l'unica libreria-caffè letterario del Sarcidano.

Quando un cittadino attivo culturalmente, appartenente alla nostra comunità, pensa alla Libreria Godot, non può fare a meno di riflettere su quanto abbia rappresentato questo luogo come centro di proliferazione e distribuzione di esperienze. Otto anni e oltre cento iniziative: laboratori per i più piccoli, incontri con i lettori, presentazioni di libri in compagnia degli scrittori. E poi ancora teatro, musica, pittura e anche semplice ma preziosa aggregazione sociale.

Buone notizie: La lettura e il “caso Sardegna”

istatL’ISTAT ha appena fatto conoscere i dati sulla lettura di libri in Italia nel 2014. Le cose non vanno bene: continua il calo dei lettori (il 41,4% degli italiani ha letto almeno un libro nell’arco dell’anno, rispetto al 43% del 2013 e al 46% del 2012), che ci riporta esattamente alla situazione del 2002. A quattro anni di aumento della percentuale dei lettori registrato dal 2007 al 2010, sia pure di un punto alla volta, fa seguito un periodo di decrescita piuttosto precipitosa: nell’ultimo biennio quasi cinque punti percentuali in meno.

Chiare Stelle: Il mestiere, l’arte e la poetica dell’editore

La copertina del libro di Alberto MondadoriUn’autobiografia “non autorizzata” di Alberto Mondadori
 
Mentre sfogliavo questo libro all’ultima edizione di Più libri più liberi (la Fiera della piccola e media editoria, Roma 4-8 dicembre 2014), già pregustavo il momento in cui, dopo aver trovato un rifugio tranquillo, avrei consumato voracemente la mia preda. Ma, al di là di questa mia personale pulsione, tra la bulimia da lettore e lo slancio cannibalesco alla conte Ugolino, questo libro richiama l’interesse di tutti coloro che dei libri amano anche i processi industriali di produzione, ovvero, quelle fasi e minuzie di lavorazione, solitamente nascoste agli occhi del lettore comune, degli aspetti che vanno dai contatti dell’editore con gli autori sino alla scelta delle caratteristiche tecniche che finalmente portano un testo alla stampa in tipografia. 

Buone notizie: Il Bastione riapre. Per non chiudere più.

Riapre la libreria Il Bastione di CagliariA Cagliari sono in molti a ricordare l'invasione di post-it appesi dai clienti sulla vetrina della libreria Il Bastione in occasione della sua chiusura. Era il 2008, e per la prima volta la libreria veniva costretta ad abbassare la serranda per le prime avvisaglie della crisi economica. Avrebbe riaperto dopo poco più di un anno, nel dicembre 2009 tra le feste dei lettori, per poi chiudere di nuovo a gennaio 2013.

Ultime recensioni


di Fausto Brizzi
edito da Einaudi nel 2015

Valutazione media:

"Non ho mai pensato al mio funerale. Nessuno pensa mai al suo funerale. Eppure è la recita finale non replicabile di ognuno di noi, che interpretiamo magistralmente nei panni del protagonista. Dunque vale la pena dedicarci cinque minuti, almeno per non fare brutta figura. Intanto bisogna scegliere il tipo di cerimonia…

Leggi tutto

Libri in lettura

I miei martedì col professore
di Mitch Albom
edito da Rizzoli nel 2000

Valutazione media:

#altrocheAmazon, la fionda dei librai contro Golia

altrocheamazonFacciamo un esperimento: provate a digitare sul motore di ricerca di Amazon, o di un altro sito di vendita online a piacere, "non mi ricordo autore né titolo ma è la storia di una donna pazza d'amore che alla fine si butta sotto un treno". Se non l'avete riconosciuto, noi non ve lo diciamo, che libro è, ma un vero libraio sì che ve lo sa dire*. 

Chiare Stelle: “Tal vez... una vez...” La lezione del gabbiano

La copertina del libro di Pablo d'OrsPablo d’Ors (1963-) è “figlio d’arte”, anzi per esattezza “nipote”. Il nonno era Xenius, pseudonimo dello scrittore e filosofo catalano Eugeni d’Ors (1881-1954). In apertura alle Avventure dello stampatore Zollinger Pablo d’Ors premette una citazione di Xenius: «Si deve volare per tutti i mari, ma bisogna procreare in un nido». La scrittura del nonno suona molto bene, almeno come quella del nipote: una vera rivelazione.