I libri non sostituiscono la vita, ma neppure la vita sostituisce i libri.Joan Fuster
Éntula
×

Noi siamo Lìberos, e tu?




Perché per leggere alcuni contenuti occorre registrarsi?

Molte persone che vorrebbero leggere i nostri contenuti ci dicono di aver rinunciato a farlo perché occorre registrarsi. Alcuni lo percepiscono come un limite alla diffusione dei contenuti, altri come un'estorsione di dati, altri semplicemente come una perdita di tempo. Noi abbiamo ragionato a lungo prima di prendere la decisione di rendere i contenuti visibili solo agli iscritti. Quelli che seguono sono i cinque principali motivi per cui per leggere la homepage di Lìberos.it occorre registrarsi. Questo post resterà sempre in evidenza.

Leggi tutto

Hai pagato per pubblicarti? Ecco cosa succede dopo

"Ho scritto un libro".
Una delle frasi che da quando ho creato CriticaLetteraria sento più spesso dopo la stretta di mano. Alternativa? "Sai, il mio amico Tizio ha scritto un libro". Poi si passa alla fase B: "Mi piacerebbe molto fartene avere una copia... Sai, il suo editore è piccolo, gli ha fatto ritirare una vagonata di copie e adesso lui/lei non sa che farne".

Partner: Ab­ba­san­ta ade­ri­sce a Lì­be­ros

Posizione del comune di Abbasanta all'interno della provincia di OristanoIl co­mu­ne di Ab­ba­san­ta ha de­li­be­ra­to di ade­ri­re a Lì­be­ros. Mol­ti am­mi­ni­stra­to­ri ci stan­no con­tat­tan­do per ca­pi­re co­me pos­so­no fa­re lo stes­so. Non è dif­fi­ci­le: il pri­mo at­to è una de­li­be­ra di ade­sio­ne al cir­cui­to e al co­di­ce eti­co da par­te del­l'en­te (man­da­te­ce­la, pe­rò, se no non sap­pia­mo che ci sie­te!). Se sei un am­mi­ni­stra­to­re e vuoi sa­per­ne di più, scri­vi a se­gre­te­ria@​li­be­ros.​it.

Riflessioni utili: L'as­so­cia­zio­ni­smo che ci fre­na

paroleingabbiaE se l'as­so­cia­zio­ni­smo, a vol­te, fos­se un fre­no per la cul­tu­ra?
Chie­der­lo in un pae­se co­me il no­stro suo­na qua­si co­me un'e­re­sia: le as­so­cia­zio­ni, in par­ti­co­lar mo­do quel­le non ri­co­no­sciu­te, so­no l'os­sa­tu­ra ci­vi­ca del­l'I­ta­lia. È at­tor­no al­l'as­so­cia­zio­ni­smo che si or­ga­niz­za la vi­ta cul­tu­ra­le dif­fu­sa sui ter­ri­to­ri, da­gli even­ti mu­si­ca­li a quel­li tea­tra­li pas­san­do per i grup­pi di ap­pas­sio­na­ti di ar­te e let­te­ra­tu­ra. In mol­tis­si­mi ca­si, le as­so­cia­zio­ni svol­go­no un la­vo­ro di al­fa­be­tiz­za­zio­ne cul­tu­ra­le di ba­se che le isti­tu­zio­ni non rie­sco­no a por­ta­re avan­ti. Co­me può, que­sto, es­se­re con­si­de­ra­to un osta­co­lo?

Pron­tua­rio di ge­stio­ne dei con­flit­ti per pa­ga­re il con­to al bar

Ogni ter­ra ha la sua sto­ria e la sto­ria del­la Sar­de­gna è fat­ta di ac­co­glien­za e di ospi­ta­li­tà (a vol­te pu­re trop­pa). Lad­do­ve in al­tri luo­ghi si fa al­la ro­ma­na o si re­ci­ta am­ba­ra­bà­cic­ci­coc­cò con le di­ta in­cro­cia­te per ve­de­re a chi il fa­to get­te­rà ad­dos­so l'o­ne­re in­gra­to di pa­ga­re il con­to, in gran par­te del­l'i­so­la av­vie­ne esat­ta­men­te l'op­po­sto: as­su­mer­si il ruo­lo di sal­da­re le con­su­ma­zio­ni al­trui è un di­rit­to di ospi­ta­li­tà di­fe­so stre­nua­men­te con­tro chiun­que cer­chi di ap­pro­priar­se­ne sen­za ave­re ade­gua­ti ti­to­li. E poi­chè i ti­to­li per in­vi­ta­re ri­ten­go­no di aver­li tut­ti, la li­tur­gia per ve­ri­fi­ca­re chi è che li pos­sie­de ve­ra­men­te è in ul­ti­ma istan­za in ma­no al ba­ri­sta. Ma non è sem­pre pa­ci­fi­co que­sto con­ten­zio­so. Sap­pia­mo di ba­ri­sti fi­ni­ti a corp'e bal­la nel re­tro dei bar per aver da­to lo scon­tri­no al­la per­so­na sba­glia­ta. Co­no­scia­mo com­pa­ri di olio san­to di­ven­tan­ti ne­mi­ci fe­ri­ni per­ché uno dei due ha pa­ga­to il cro­di­no di na­sco­sto. Leg­gen­de nar­ra­no di ospi­ti - gen­te di fuo­ri, con­ti­nen­ta­li igna­ri - scom­par­si nel­le cam­pa­gne per­ché in­si­ste­va­no a in­vi­ta­re un'Ich­nu­sa ai sar­di. Non se ne tro­va più trac­cia e ci di­spia­ce, ma con gli in­vi­ti al bar in Sar­de­gna non si scher­za. A La­nu­sei, ter­ra d'O­glia­stra do­ve l'in­vi­to è ob­bli­gan­te co­me in po­chi al­tri luo­ghi, la coo­pe­ra­ti­va di una zo­na ar­cheo­lo­gi­ca mol­to no­ta (Bo­sco Se­le­ni) ha ste­so un re­go­la­men­to che sin­te­tiz­za con ra­ra ef­fi­ca­cia le re­go­le per pa­ga­re il con­to al ban­co­ne. Se tut­ti i bar di Sar­de­gna se lo stam­pas­se­ro e lo met­tes­se­ro di fron­te al­la cas­sa, mol­te del­le dia­tri­be da in­vi­to si ri­com­por­reb­be­ro sen­za stra­sci­chi. Ve lo pro­po­nia­mo.

Partner: Mo­go­ro ade­ri­sce a Lì­be­ros

Posizione del comune di Mogoro all'interno della provincia di OristanoIl co­mu­ne di Mo­go­ro ha de­li­be­ra­to di ade­ri­re a Lì­be­ros. Mol­ti am­mi­ni­stra­to­ri ci stan­no con­tat­tan­do per ca­pi­re co­me pos­so­no fa­re lo stes­so. Non è dif­fi­ci­le: il pri­mo at­to è una de­li­be­ra di ade­sio­ne al cir­cui­to e al co­di­ce eti­co da par­te del­l'en­te (man­da­te­ce­la, pe­rò, se no non sap­pia­mo che ci sie­te!). Se sei un am­mi­ni­stra­to­re e vuoi sa­per­ne di più, scri­vi a se­gre­te­ria@​li­be­ros.​it.

Appuntamenti imperdibili: Ar­ri­va la quar­ta edi­zio­ne di Én­tu­la

ÉntulaRi­tor­na per il quar­to an­no con­se­cu­ti­vo Én­tu­la, il fe­sti­val let­te­ra­rio dif­fu­so or­ga­niz­za­to da Lì­be­ros, che da apri­le a no­vem­bre ani­me­rà le piaz­ze, le bi­blio­te­che e i tea­tri dei pic­co­li e gran­di cen­tri del­la Sar­de­gna.

Un sug­ge­sti­vo tour let­te­ra­rio co­strui­to su mi­su­ra per l'i­so­la, per por­ta­re gli au­to­ri più co­no­sciu­ti nei cen­tri me­no co­no­sciu­ti, e gli au­to­ri esor­dien­ti sui pal­chi più am­bi­ti. Au­to­ri sar­di, ita­lia­ni e in­ter­na­zio­na­li che per ot­to me­si at­tra­ver­se­ran­no l'i­so­la gui­da­ti da Lì­be­ros e da­gli ani­ma­to­ri del­la no­stra co­mu­ni­tà cul­tu­ra­le: let­to­ri, bi­blio­te­ca­ri, li­brai, as­so­cia­zio­ni, scrit­to­ri stes­si.
 

Chiare Stelle: Il mestiere, l’arte e la poetica dell’editore

La copertina del libro di Alberto MondadoriUn’autobiografia “non autorizzata” di Alberto Mondadori
 
Mentre sfogliavo questo libro all’ultima edizione di Più libri più liberi (la Fiera della piccola e media editoria, Roma 4-8 dicembre 2014), già pregustavo il momento in cui, dopo aver trovato un rifugio tranquillo, avrei consumato voracemente la mia preda. Ma, al di là di questa mia personale pulsione, tra la bulimia da lettore e lo slancio cannibalesco alla conte Ugolino, questo libro richiama l’interesse di tutti coloro che dei libri amano anche i processi industriali di produzione, ovvero, quelle fasi e minuzie di lavorazione, solitamente nascoste agli occhi del lettore comune, degli aspetti che vanno dai contatti dell’editore con gli autori sino alla scelta delle caratteristiche tecniche che finalmente portano un testo alla stampa in tipografia. 

Eventi


Ultime recensioni


di Ginevra Costabili
edito da nel 2010

Valutazione media: non ancora valutato

"La collana di Raminga” è un romanzo storico scritto in punta di penna da Ginevra Costabili (pseudonimo di Margherita Zaccarini), che si dipana in due periodi: il Risorgimento e l’epoca attuale. Una giovane biologa dei nostri tempi, Guia Rinaldi, parte alla volta del Nicaragua come volontario per scopi umanitari e di ricerca…

Leggi tutto

Libri in lettura

Mangia, prega, ama
di Elizabeth Gilbert
edito da Rizzoli nel 2010

Valutazione media: non ancora valutato

Partner: Di cosa parliamo quando parliamo di Sardex

Moneta a chilometro zero. Moneta alternativa a tasso zero. Moneta virtuale contro la crisi. Circuito di credito commerciale. Mercato parallelo. Sembra che quando si parla di Sardex si parli solo di soldi. Ma è solo questo, Sardex?
Sulle magliette di Lìberos c’è scritto Con la cultura si mangia, e non abbiamo certo timore di parlare di soldi, noi, ché chi lavora nella cultura non è un’anima bella che vive d’aria. Eppure, quando pensiamo a Sardex, noi di Lìberos vediamo altro, soprattutto altro.