Non esistono libri morali o immorali. I libri sono scritti bene o scritti male. Questo è tutto.Oscar Wilde
Éntula
×

Noi siamo Lìberos, e tu?




Perché per leggere alcuni contenuti occorre registrarsi?

Molte persone che vorrebbero leggere i nostri contenuti ci dicono di aver rinunciato a farlo perché occorre registrarsi. Alcuni lo percepiscono come un limite alla diffusione dei contenuti, altri come un'estorsione di dati, altri semplicemente come una perdita di tempo. Noi abbiamo ragionato a lungo prima di prendere la decisione di rendere i contenuti visibili solo agli iscritti. Quelli che seguono sono i cinque principali motivi per cui per leggere la homepage di Lìberos.it occorre registrarsi. Questo post resterà sempre in evidenza.

Leggi tutto

Let­tu­re an­ti­bul­li­smo

Sia­mo pro­fon­da­men­te con­vin­ti che "più cul­tu­ra per tut­ti" sia la so­lu­zio­ne a buo­na par­te dei ma­li del­la no­stra so­cie­tà. Quin­di ec­co la ri­spo­sta di Ma­re di Li­bri, il fe­sti­val dei ra­gaz­zi che leg­go­no, ai bul­li­smi di ie­ri e di og­gi: una bi­blio­gra­fia ra­gio­na­ta e ap­pas­sio­na­ta che con­di­vi­dia­mo e vi in­vi­tia­mo (que­sta sì) a far gi­ra­re.

Partner: Di co­sa par­lia­mo quan­do par­lia­mo di Sar­dex

Mo­ne­ta a chi­lo­me­tro ze­ro. Mo­ne­ta al­ter­na­ti­va a tas­so ze­ro. Mo­ne­ta vir­tua­le con­tro la cri­si. Cir­cui­to di cre­di­to com­mer­cia­le. Mer­ca­to pa­ral­le­lo. Sem­bra che quan­do si par­la di Sar­dex si par­li so­lo di sol­di. Ma è so­lo que­sto, Sar­dex?
Sul­le ma­gliet­te di Lì­be­ros c’è scrit­to Con la cul­tu­ra si man­gia, e non ab­bia­mo cer­to ti­mo­re di par­la­re di sol­di, noi, ché chi la­vo­ra nel­la cul­tu­ra non è un’a­ni­ma bel­la che vi­ve d’a­ria. Ep­pu­re, quan­do pen­sia­mo a Sar­dex, noi di Lì­be­ros ve­dia­mo al­tro, so­prat­tut­to al­tro.

Che lettore sei?: Ri­ma­nia­mo in con­tat­to?  

 
Iscriviti alla nostra newsletter!Se non l'hai già fat­to, re­gi­stra­ti al­la no­stra new­slet­ter: ti in­for­me­re­mo sul­le no­stre at­ti­vi­tà e se in­di­chi il co­mu­ne di tuo in­te­res­se, ri­ce­ve­rai sol­tan­to le in­for­ma­zio­ni su­gli even­ti nel rag­gio di 30km. 

Contributi: Ab­bia­mo per­so la bus­so­la?

biblioteca cina"Co­me fa­re a leg­ge­re una real­tà co­sì com­ples­sa, mul­ti­stra­to e, a vol­te, pa­le­se­men­te in­giu­sta?”
Va­ni­ty Fair ha chie­sto ad al­cu­ni espo­nen­ti del­la cul­tu­ra ita­lia­na di con­si­glia­re un li­bro-bus­so­la che pos­sa for­ni­re va­lo­ri e pa­ra­me­tri, in­di­ca­re una di­re­zio­ne. Tra lo­ro, ci so­no al­cu­ni au­to­ri che so­no sta­ti no­stri ospi­ti in que­sti an­ni (Igia­ba Sce­go, Chia­ra Va­le­rio...), per­ciò ab­bia­mo pen­sa­to di chie­de­re an­che agli al­tri au­to­ri che in que­sti an­ni so­no ve­nu­ti a pie­de lì­be­ros, o che ver­ran­no nei pros­si­mi me­si, di dar­ci la lo­ro bus­so­la per orien­tar­ci: ec­co il ri­sul­ta­to! 
 

Riflessioni utili: Fa­vo­le al te­le­fo­no 2.0

Una comunità di oltre 45 milioni di persone, per lo più adolescenti o postadolescenti, leggono sistematicamente contenuti di fiction sul cellulare: racconti fantasy, storie d’amore più o meno romantiche, opere di fantascienza e molto altro: è il fenomeno Wattpad, e a raccontarcelo, e a suggerirci riflessioni, è la redazione di TwLetteratura.

 

Buone pratiche: Ap­pel­lo per la let­tu­ra del Fo­rum del Li­bro

palazzo_montecitorio_2Il fo­rum del li­bro, as­so­cia­zio­ne na­ta nel 2006  che con­si­de­ra i li­bri co­me un be­ne me­ri­to­rio e si pro­po­ne di pro­muo­ver­ne la let­tu­ra in­di­vi­duan­do, in­cen­ti­van­do e am­pli­fi­can­do tut­te le espe­rien­ze che in tal sen­so pos­sa­no es­se­re uti­li, ha lan­cia­to nei gior­ni scor­si una cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne per sol­le­ci­ta­re il Par­la­men­to ad ap­pro­va­re una leg­ge sul­la pro­mo­zio­ne del­la Let­tu­ra.

Contributi: I nu­me­ri ci rac­con­ta­no la let­tu­ra in Sar­de­gna

Piccoli lettori crescono (ph Alecani)Di Ni­co­lò Mi­ghe­li - I sar­di leg­go­no, non è una no­vi­tà. O al­me­no leg­go­no quan­to si leg­ge me­dia­men­te in Ita­lia, an­zi qual­co­sa in più, uno stri­min­zi­to 0,2. Ov­ve­ro Ita­lia 42,0% e Sar­de­gna 42,02%. I mo­ti­vi, è sta­to det­to più vol­te, so­no le­ga­ti a una cer­ta dif­fu­sio­ne di bi­blio­te­che pub­bli­che nel ter­ri­to­rio, for­se an­che ai fe­sti­val let­te­ra­ri, al­le pre­sen­ta­zio­ni di li­bri. Il fat­to che mol­ti sar­di scri­va­no è si­cu­ra­men­te un aspet­to che fa­ci­li­ta l’a­bi­tu­di­ne al­la let­tu­ra. Ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni poi, mol­ti scrit­to­ri e scrit­tri­ci han­no rag­giun­to no­to­rie­tà in­ter­na­zio­na­le  e que­sto è un ul­te­rio­re fat­to­re di in­cen­ti­va­zio­ne. Va­le il no­to prin­ci­pio del­l’oc­chio stra­nie­ro che dà va­lo­re a quel­lo che l’a­bi­tu­di­ne por­ta a sot­to­va­lu­ta­re. C’è da es­ser­ne con­ten­ti? Sì, ma so­lo in par­te. 

Riflessioni utili: L'as­so­cia­zio­ni­smo che ci fre­na

paroleingabbiaE se l'as­so­cia­zio­ni­smo, a vol­te, fos­se un fre­no per la cul­tu­ra?
Chie­der­lo in un pae­se co­me il no­stro suo­na qua­si co­me un'e­re­sia: le as­so­cia­zio­ni, in par­ti­co­lar mo­do quel­le non ri­co­no­sciu­te, so­no l'os­sa­tu­ra ci­vi­ca del­l'I­ta­lia. È at­tor­no al­l'as­so­cia­zio­ni­smo che si or­ga­niz­za la vi­ta cul­tu­ra­le dif­fu­sa sui ter­ri­to­ri, da­gli even­ti mu­si­ca­li a quel­li tea­tra­li pas­san­do per i grup­pi di ap­pas­sio­na­ti di ar­te e let­te­ra­tu­ra. In mol­tis­si­mi ca­si, le as­so­cia­zio­ni svol­go­no un la­vo­ro di al­fa­be­tiz­za­zio­ne cul­tu­ra­le di ba­se che le isti­tu­zio­ni non rie­sco­no a por­ta­re avan­ti. Co­me può, que­sto, es­se­re con­si­de­ra­to un osta­co­lo?

Tut­ti paz­zi per la let­tu­ra! 

DON QUIXOTENon fu per il tan­to leg­ge­re che don Chi­sciot­te im­paz­zì. Lo psi­chia­tra ga­li­zia­no Ti­bur­cio An­go­sto so­stie­ne che l’hi­dal­go ab­bia per­so il sen­no per­ché cer­ca­va un sen­so in quel­lo che leg­ge­va. Sof­fri­va di psi­co­si reat­ti­va e avreb­be avu­to bi­so­gno di tran­quil­lan­ti.
A quel ca­va­lie­re lan­cia in re­sta, scu­do an­ti­co, ron­zi­no ma­gro e le­vrie­ro ca­pi­tò qual­co­sa di inau­di­to: “si era im­mer­so tan­to nel­la let­tu­ra, che pas­sa­va le not­ti leg­gen­do da un’al­ba al­l’al­tra e i gior­ni da un tra­mon­to al­l’al­tro, e co­sì a for­za di dor­mi­re tan­to po­co e di leg­ge­re tan­to, gli si sec­cò il cer­vel­lo tan­to da per­de­re il sen­no." È co­sì che Mi­guel de Cer­van­tes de­scri­ve il mo­do in cui Alon­so Chi­scia­no di­ven­ne mat­to. Que­sto pas­so ha con­se­gna­to al­l’im­ma­gi­na­rio po­po­la­re l’i­dea che a far­lo im­paz­zi­re fu la quan­ti­tà di li­bri ca­val­le­re­schi che di­vo­ra­va. Pe­rò lo psi­chia­tra Ti­bur­cio An­go­sto Sau­ra ha tro­va­to una sfu­ma­tu­ra.

La Sar­de­gna che scri­ve: Gian­ni Tet­ti

GIANNI TETTIIn esclu­si­va per i let­to­ri di Lì­be­ros, il pri­mo ca­pi­to­lo del ro­man­zo can­di­da­to al Pre­mio Stre­ga. Si rin­gra­zia per que­sto la ca­sa edi­tri­ce Neo.

Gian­ni Tet­ti na­sce e vi­ve a Sas­sa­ri. Spe­cia­liz­za­to in tec­ni­che di nar­ra­zio­ne per ci­ne­ma e tv, ha con­se­gui­to un dot­to­ra­to in Sto­ria e Cri­ti­ca del Ci­ne­ma. Ha scrit­to e di­ret­to il do­cu­men­ta­rio Un pas­so do­po l’al­tro, è sce­neg­gia­to­re del lun­go­me­trag­gio Sa­Grà­scia (re­gia di Bo­ni­fa­cio An­gius). Suoi rac­con­ti so­no sta­ti pub­bli­ca­ti su Fri­gi­dai­re, Il Ma­le, At­ti Im­pu­ri, Pro­spek­ti­va e in di­ver­se an­to­lo­gie, tra cui E mo­ri­ro­no tut­ti fe­li­ci e con­ten­ti (Neo Edi­zio­ni, 2008). Per Neo Edi­zio­ni, nel 2010, ha pub­bli­ca­to il li­bro I ca­ni là fuo­ri e nel 2014 Met­te piog­gia. Lo scor­so di­cem­bre esce, sem­pre per Neo, Il gran­de nu­do, che chiu­de la "ti­lo­gia del ven­to", e che è sta­to can­di­da­to al Pre­mio Stre­ga 2017. 

Per non per­de­re i pros­si­mi ap­pun­ta­men­ti con Gian­ni Tet­ti, tie­ni d'oc­chio il ca­len­da­rio de­gli even­ti.
 

Én­tu­la e Sa­ru­le: La fron­tie­ra, l'ac­co­glien­za


LEOGRANDE SARULE
Én­tu­la 2017 ha pre­so l’av­vio lo scor­so 30 mar­zo, pro­ta­go­ni­sta Ales­san­dro Leo­gran­de, il suo li­bro La Fron­tie­ra e la co­mu­ni­tà di Sa­ru­le. Que­sto in­con­tro è sta­to l’e­sem­pio con­cre­to di ciò che vor­rem­mo di­ven­tas­se­ro tut­ti i no­stri ap­pun­ta­men­ti: una fon­te di ar­ric­chi­men­to, uno spun­to per af­fron­ta­re pic­co­li e gran­di te­mi, un’oc­ca­sio­ne per coin­vol­ge­re le per­so­ne, svi­lup­pa­re re­la­zio­ni e spri­gio­na­re le ener­gie che ogni co­mu­ni­tà pos­sie­de.

Quan­do le nar­ra­zio­ni le fan­no i pub­bli­ci­ta­ri: Ich­nu­sa

La bir­ra Ich­nu­sa, pre­sun­to sim­bo­lo del­la sar­di­tà da be­re, è uno dei fal­si nar­ra­ti­vi più in­te­res­san­ti de­gli ul­ti­mi cen­to an­ni. Co­me nei gior­ni scor­si han­no fat­to no­ta­re gli ami­ci del fo­rum Con­chi­dor­tos, “la fe­no­me­no­lo­gia del­la Ich­nu­sa, la bir­ra sar­da per an­to­no­ma­sia, ap­par­tie­ne al fi­lo­ne del­la nar­ra­zio­ne del mar­ke­ting co­lo­nia­le” e ha fun­zio­na­to tal­men­te be­ne che an­che in Sar­de­gna la Ich­nu­sa vie­ne con­si­de­ra­ta da tut­ti una bir­ra sto­ri­ca. Ma co­sa si in­ten­de esat­ta­men­te per “sto­ri­ca”? L'Ir­lan­da pro­du­ce bir­ra in ca­sa da 2500 an­ni e in­du­strial­men­te da non me­no di tre se­co­li (la Guin­ness fu fon­da­ta nel 1735). La Ger­ma­nia ha più di 5000 bir­re di­ver­se, pra­ti­ca­men­te ogni cit­tà ha la sua. Il fa­mo­so edit­to del­la pu­rez­za del­la cit­tà di Mo­na­co, il pri­mo ten­ta­ti­vo di di­sci­pli­na­re di pro­du­zio­ne del­la sto­ria d'Eu­ro­pa, è del 1485. La Gran Bre­ta­gna ha una tra­di­zio­ne bir­ra­ia che du­ra da se­co­li, con mi­glia­ia di eti­chet­te e una fi­lie­ra com­ple­ta­men­te lo­ca­le. La bir­ra Ich­nu­sa in­ve­ce esi­ste ap­pe­na dal 1912, il che ov­via­men­te non esclu­de che i sar­di an­che pri­ma si pro­du­ces­se­ro in ca­sa be­van­de fer­men­ta­te, ma di­mo­stra che la nar­ra­zio­ne del­la bir­ra co­me pro­dot­to ti­pi­co na­zio­na­le è mol­to più re­cen­te di quan­to di so­li­to si sia di­spo­sti a cre­de­re in Sar­de­gna.

Eventi


Ultime recensioni


di Tara Westover
edito da Feltrinelli nel 2018

Valutazione media:

La storia di una famiglia eccessiva come lo sono le classiche famiglie malate, ma estremamente atipica nell'ambientazione. Ovvero, come sopravvivere alla manipolazione, all'abuso e alla malattia mentale in una religiosissima famiglia survivalista americana. Intelligente, fresco, stranamente privo di rancore nonostante la profondità del conflitto, soprattutto interiore…

Leggi tutto

Libri in lettura

Poesie d'amore
di Nazim Hikmet
edito da Mondadori nel 1994

Valutazione media:

Appuntamenti imperdibili: Éntula: sette appuntamenti in dieci giorni

Anna Melis con il suo terzo romanzo pubblicato da Frassinelli, Lunissanti sarà ad Iglesias (24 luglio) e Carbonia (25 luglio). Ancora a Carbonia, il 27 luglio, SIlvia Ugolotti con il suo L'inquietudine delle isole edito da Ediciclo. Venerdì 27 luglio il primo appuntamento di Éntula per l'Estate Asseminese, con Caterina Bonvicini e Fancy red (Mondadori). Doppio appuntamento al nord, invece, giovedì 2 agosto con Beatrice Mariani e Una ragazza inglese (Sperling&Kupfler) a Sassari, e Giovanni Floris con il suo Ultimo banco (Solferino libri) a Codrongianos

Leggi tutti i dettagli negli Eventi

Pron­tua­rio di ge­stio­ne dei con­flit­ti per pa­ga­re il con­to al bar

Ogni ter­ra ha la sua sto­ria e la sto­ria del­la Sar­de­gna è fat­ta di ac­co­glien­za e di ospi­ta­li­tà (a vol­te pu­re trop­pa). Lad­do­ve in al­tri luo­ghi si fa al­la ro­ma­na o si re­ci­ta am­ba­ra­bà­cic­ci­coc­cò con le di­ta in­cro­cia­te per ve­de­re a chi il fa­to get­te­rà ad­dos­so l'o­ne­re in­gra­to di pa­ga­re il con­to, in gran par­te del­l'i­so­la av­vie­ne esat­ta­men­te l'op­po­sto: as­su­mer­si il ruo­lo di sal­da­re le con­su­ma­zio­ni al­trui è un di­rit­to di ospi­ta­li­tà di­fe­so stre­nua­men­te con­tro chiun­que cer­chi di ap­pro­priar­se­ne sen­za ave­re ade­gua­ti ti­to­li. E poi­ché i ti­to­li per in­vi­ta­re ri­ten­go­no di aver­li tut­ti, la li­tur­gia per ve­ri­fi­ca­re chi è che li pos­sie­de ve­ra­men­te è in ul­ti­ma istan­za in ma­no al ba­ri­sta. Ma non è sem­pre pa­ci­fi­co, que­sto con­ten­zio­so.